Ricci Oddi, progetti in Comune: “Rifare depositi e biblioteche. Ex Enel, tutto tace”

11 Giugno 2013

20130611-180429.jpg

La crisi colpisce anche la cultura e anche la Galleria Ricci Oddi non è immune. Il quadro presentato alla commissione comunale numero 3 dal presidente Vittorio Anelli è abbastanza pesante: “Abbiamo pochi soldi e siamo coscienti che anche il Comune non è nel suo periodo migliore, quindi le incombenze più urgenti riguardano la risoluzione dei problemi strutturali: il primo passo sarà rifare depositi e biblioteche, sistemare l’edificio storico. Abbiamo l’ok della soprintendenza a un nostro progetto, chiederemo aiuto alla Fondazione”. Con via Sant’Eufemia c’è in sospeso l’allargamento in Palazzo Enel: “A me risulta che abbiano sospeso tutto, vedremo se il nuovo presidente riaprirà questo capitolo”, ha chiarito Anelli. Il quale ha poi sollevato altri due problemi non da poco: “Non abbiamo spazi espositivi, solo il Salone d’onore, e almeno metà delle opere in deposito ha bisogno di interventi a causa dell’abbandono degli ultimi anni. Speriamo che Expo 2015 sia l’occasione anche per sistemare questi problemi”. In vista dell’esposizione universale si sta pensando a una mostra dell’impressionista Federico Zandomeneghi.

20130611-180339.jpg

© Copyright 2021 Editoriale Libertà