Il liutaio del quartiere Roma: “Ordini da tutto il mondo”. Un lavoro anche per il Vaticano

25 Marzo 2016

liutaio piacentino Matteo Mazzotti

Nel suo nuovo laboratorio-vetrina il liutaio piacentino Matteo Mazzotti oltre a costruire violini, riceve i clienti, prova gli strumenti, studia nuove tecniche di assemblaggio.Il liutaio piacentino ha ottenuto le tre stanze ai piedi del grattacielo dei Mille vincendo un bando del comune di Piacenza: potrà usufruire dei locali nel quartiere Roma per due anni in comodato d’uso. Un modo, secondo il Comune, di rivitalizzare una zona difficile e problematica.

Mazzotti dal canto suo si trova bene nel nuovo ambiente: “Quando ho aperto poche settimane fa – ci racconta – molti abitanti del quartiere multietnico sbirciavano da fuori per capire cosa stessi facendo, ma dopo la diffidenza iniziale siamo diventati buoni vicini”.

A dire la verità il giovane liutaio ha poco tempo per socializzare: “Ho così tanti ordini da tutto il mondo (l’ultimo è arrivato dal Vaticano) che dovrò lavorare ininterrottamente per i prossimi due anni per esaudire la richiesta dei clienti” ci confessa con sguardo stanco, ma soddisfatto. Siamo sicuri però che con il nuovo laboratorio sarà tutto più piacevole.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà