Disturbi del sonno, ecco i comportamenti che possono aggravare la situazione

13 Maggio 2016

sonno

Inutile negarlo, un buon sonno in età avanzata rappresenta un sogno, e non è affatto gioco di parole, per tanti che si ritrovano a battagliare con Morfeo anziché riuscire ad inanellare le ore necessarie di riposo per ritrovarsi alla mattina al riparo da stanchezza o sonnolenza.

Oggi, al Park Hotel, in occasione delle celebrazioni della giornata internazionale dell’infermiere, si è parlato anche di questo. Nicola Pisaroni, infermiere e coordinatore sociosanitario di un istituto per anziani di Castelvetro, ha messo a punto uno strumento di valutazione della qualità del sonno nelle persone più anziane. E sono arrivati anche importanti consigli per evitare comportamenti scorretti: “Il fumo, la tv o il cibo a notte fonda sono fattori che possono influenzare negativamente il sonno“.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà