Istruzione

Maturità dal 17 giugno, solo un colloquio orale di un’ora

16 maggio 2020

Esame di maturità dal 17 giugno, solo orale, in presenza, con un colloquio che durerà un’ora. Il ministero dell’Istruzione Lucia Azzolina ha confermato quello che era già noto, in una conferenza stampa nella quale ha presentato le ordinanze attese dal mondo della scuola.

Il primo rientro in aula dopo la chiusura delle scuole per emergenza sanitaria sarà quindi l’esame di Stato; i docenti saranno sei per ogni commissione, tutti membri interni, più i presidenti esterni.

“Tenere le scuole chiuse ha permesso salvare vite umane e questo non ha prezzo” ha spiegato il ministro, che ha tranquillizzato professori e studenti sulle modalità di esame: “Sarà in sicurezza”, aggiungendo poi che in base all’andamento della pandemia il ministero valuterà se optare per quello a distanza. ” In quel caso gli esami si svolgeranno in videoconferenza”.

Il colloquio partirà dalla tesina sulle discipline di indirizzo, per poi proseguire con la discussione sul testo di italiano e sui materiali consegnati dalla commissione sul resto delle discipline. L’esame si terrà secondo il protocollo di sicurezza stabilito dal Governo. La distanza di sicurezza – almeno due metri tra professori e studente – permetterà di non indossare la mascherina durante il colloquio.
Norme ad hoc anche per la valutazione delle altre classi, Precisa Azzolina: “E’ stato un anno scolastico diverso per tutti e il principio che seguiamo è quello di non lasciare indietro nessuno studente. Non ci sarà il 6 politico – spiega -; le insufficienze saranno registrate, ma gli studenti avranno il diritto di recuperarle a settembre”. Solo “in due casi circoscritti e non riferibili al coronavirus”, lo studente non sarà ammesso alla classe successiva e cioè “se non ha frequentato le lezioni nella prima parte dell’anno e dunque non è valutabile oppure se ha ricevuto provvedimenti disciplinari gravi”.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cultura e Spettacoli Piacenza