Marchio registrato

Salumi Dop piacentini protetti dalle imitazioni anche sul mercato Usa

23 maggio 2020

Dopo il Canada arriva dal Dipartimento per il Commercio degli Stati Uniti “Patent and Trademark Office” ufficio brevetti e marchi la registrazione del marchio consortile “Piacentino – Piacentina” che accompagnerà i salumi piacentini a denominazione di origine protetta sul mercato statunitense.

“Questo importante risultato – dichiara il Presidente del Consorzio di Tutela Salumi DOP Piacentini Antonio Grossetti – gratifica e premia l’impegno profuso dal Consorzio nella tutela delle proprie denominazioni”.

“La protezione della DOP vale sul territorio comunitario, ma in mercati come quello statunitense e canadese prevalgono altre logiche e normative al riguardo – si legge nel comunicato del consorzio di tutela -. In materia di marchi, in questi Paesi, vale il principio del “first to use”, il che implica l’acquisizione della proprietà del marchio in capo a chi per primo lo abbia utilizzato. Il rischio, come avvenuto per altri importantissimi prodotti italiani, che salumi che non hanno nulla a che vedere con le nostre tre DOP vengano commercializzati con denominazioni che evochino i nostri marchi, e per ironia della sorte i nostri DOP non poterli commercializzare con le loro denominazioni “Coppa Piacentina, Salame Piacentino, Pancetta Piacentina”. Il fenomeno dell’Italian Sounding oggi vale qualcosa come centodieci miliardi di euro e tocca in modo preponderante tutte le categorie alimentari e si manifesta appunto con messaggi evocativi all’italianità attraverso l’utilizzo di diciture, colori, nomi che possono avere aspetti svianti sugli acquisti dei consumatori”.

“Da oggi il Consorzio dispone di un importante strumento pro-concorrenziale per favorire l’esportazione dei prodotti in un mercato strategico come gli Stati Uniti d’America – spiega lo Studio Rosso Borghero IP Consultancy, che ha curato tutta la procedura per la registrazione del marchio – . I benefici del risultato raggiunto si apprezzeranno, da un lato, riguardo alla promozione poiché attraverso il marchio si certificherà ai consumatori statunitensi che i salumi contrassegnati sono espressione di una storica tradizione produttiva legata alla cultura locale che è garantita dal rigoroso rispetto dei disciplinari di produzione e, dall’altro, in relazione alla tutela poiché oggi si dispone di un titolo che consentirà di prevenire o reprimere abusi o usi illegali delle DOP pregiudizievoli per la filiera”.

IL CERTIFICATO UFFICIALE DI REGISTRAZIONE DEL MARCHIO

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Economia e Politica Piacenza