Teatro Gioco Vita

Torna il festival “L’altra scena”: posti limitati e prenotazione obbligatoria

18 settembre 2020

Spettacoli, studi e performance in versione anti-Covid. Anzi, in “limited edition”. Dal 28 settembre al 2 ottobre, si terrà il festival “L’altra scena” tra teatro Filodrammatici, teatro Gioia, piazza Cavalli e la chiesa di Sant’Agostino. L’iniziativa è stata presentata dal vicesindaco Elena Baio, il direttore artistico di Teatro Gioco Vita Diego Maj, e il vicepresidente di Teatro Gioco Vita Jacopo Maj.

Si inizia il 28 settembre all’aperto in piazza Cavalli con Kepler-452 con “Lapsus urbano // il primo giorno possibile”. Due le rappresentazioni, alle ore 18 e alle ore 21, con un pubblico limitato di 40 spettatori e la prenotazione obbligatoria. In caso di maltempo “Lapsus urbano” si terrà sotto il porticato di Palazzo Gotico. Un altro progetto pensato in tempo di lockdown e sospensione delle attività teatrali è lo studio su Persefone di Teatro Gioco Vita, “L’intera metà”, in programma mercoledì 30 settembre nella chiesa di Sant’Agostino in collaborazione con Volumnia. Doppio appuntamento alle ore 21 e alle ore 22.30 per un numero limitato di 30 spettatori con prenotazione obbligatoria. Atteso ritorno al Festival “L’altra scena” di Sotterraneo per l’unico spettacolo al Teatro Filodrammatici: “Shakespearology” un’intervista impossibile a William Shakespeare, in programma venerdì 2 ottobre alle ore 21. Sempre venerdì 2 ottobre ma al Teatro Gioia va in scena “La notte delle figure 2020” con la presentazione degli studi finali degli allievi della seconda edizione di “ANIMATERIA – Corso di formazione per operatore esperto nelle tecniche e nei linguaggi del teatro di figura”.

IL PROGRAMMA COMPLETO

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cultura e Spettacoli Piacenza

NOTIZIE CORRELATE