“Ex mercato ortofrutticolo demolito entro 120 giorni”. Costi a carico del privato

01 Marzo 2021

Entro la fine di giugno l’ex mercato ortofrutticolo di Piacenza sarà abbattuto. L’area di via Colombo verrà trasformata in un parcheggio, per una spesa di circa un milione e mezzo di euro a carico del privato. È quanto previsto nel nuovo accordo siglato tra il Comune e il consorzio Terrepadane. Un pacchetto di “interventi di interesse pubblico che la città non può più attendere” come spiegato oggi (1° marzo) dall’assessore all’urbanistica Erika Opizzi in consiglio comunale. In particolare, l’amministrazione ha annunciato – e previsto nero su bianco nel documento ufficiale – “la demolizione dell’ex mercato ortofrutticolo per ridare ordine” alla zona della Lupa e “tempi più rapidi per riqualificare il comparto urbano attraverso il bando periferie”.

Ecco i punti principali dell’intesa: “La realtà privata s’impegna a demolire e bonificare l’ex mercato ortofrutticolo entro 120 giorni dalla sottoscrizione dell’accordo. Inoltre, entro il 31 marzo 2021 dovrà trasmettere il progetto definitivo del parcheggio”. Il consorzio Terrepadane – si legge nelle carte – ha tempo “fino al 31 dicembre 2023 per sottoscrivere la convenzione urbanistica e fino al 31 agosto 2023 per individuare il soggetto attuatore del maxi-piano urbanistico”. Infine “il soggetto attuatore si impegna a richiedere l’autorizzazione per una grande struttura di vendita e il titolo autorizzativo produrrà effetti a seguito della sottoscrizione della convenzione e all’ottenimento dell’agibilità dell’edificio”. L’intesa sarà siglata a breve, consentendo il recupero dei 130mila metri quadrati lungo via Colombo – un progetto di cui si parla ormai da anni, legato al bando periferie per la riqualificazione complessiva del comparto nord di Piacenza.

Stefano Cugini (Pd) incalza l’amministrazione: “Mi chiedo se il parcheggio al posto dell’ex mercato ortofrutticolo sia davvero ancora una priorità e se la demolizione debba essere integrale o non si possano salvaguardare, per esempio, le palazzine confinanti con il piano caricatore. Inoltre, la precedente giunta aveva pensato al Berzolla come spazio polifunzionale, e non come sede di uffici, per dare un’opportunità a tante realtà culturali alla ricerca di locali fruibili”. Lorella Cappucciati (Lega) applaude la Giunta Barbieri: “Fra 120 giorni, finalmente, ci liberemo dell’ex mercato ortofrutticolo. E poi si andrà avanti col bando periferie, per dare un nuovo volto a questa importante parte di città”.

“Ma in questo modo, l’operazione è stata ritardata di almeno quattro anni – interviene Massimo Trespidi (Liberi) – il consorzio s’impegna a fare ciò che avrebbe dovuto portare a termine già nel 2019, prima che il Comune mettesse in discussione l’accordo precedente”.

Il sindaco Patrizia Barbieri parla di “una partita complessa e difficile, seguita passo a passo, in cui le parti politiche non c’entrano. Fin da subito – prosegue – l’amministrazione ha lavorato sui miglioramenti all’accordo nell’interesse pubblico. La priorità è di bonificare l’area, e questa intesa rappresenta la migliore soluzione possibile”.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà