Targa in sala consiliare, 300 euro per l’aggiornamento dopo il “caso Caruso”

26 Aprile 2021


Il Comune prevede di spendere 300 euro per aggiornare la targa, collocata nell’atrio di Palazzo Mercanti, che riporta i nomi dei presidenti del consiglio comunale. Come stabilito dalla conferenza dei capigruppo nel febbraio scorso sotto il nome di Giuseppe Caruso, arrestato per mafia nel giugno del 2019, comparirà la dicitura “Dimessosi e successivamente sospeso con decreto prefettizio del 28/06/2019 prot.gen. 28345 in relazione al procedimento penale Grimilde”.

Un caso che ha sollevato un polverone politico con bagarre tra maggioranza e opposizione sulla mozione che aveva presentato il Pd chiedendo di aggiungere la dicitura. Mozione poi bocciata dal centrodestra perché, come disse la sindaca Barbieri in aula nel tentativo di dare in aula una piega unitaria, l’intenzione dell’amminsitrazione comunale andava già in quella direzione. Il dibattito fu infuocato. Il 10 febbraio scorso la targa è stata rimossa.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà