Valtidone Festival: sedici “live” da Britti a Ottolini, da De Piscopo a Faraò

18 Giugno 2021

Sedici concerti tra il 4 luglio e il 1° ottobre, che interesseranno dieci comuni della vallata, ma anche la città di Piacenza in due occasioni. Jazz, classica, world music e contaminazioni ai massimi livelli, con un cartellone a stragrande maggioranza di artisti italiani che, come sempre, saprà soddisfare anche gli ascoltatori più esigenti. Dopo il recente lancio della speciale anteprima di quest’anno, il 4 luglio all’Ospedale di Castel San Giovanni, stamani, 18 giugno, nel Salone d’onore della Fondazione di Piacenza e Vigevano è stato svelato il cartellone della XXIII edizione del Valtidone Festival prodotta dalla Fondazione Valtidone Musica sotto la direzione artistica di Livio Bollani, con l’ormai storica partnership di Editoriale Libertà.

Da Mauro Ottolini, Javier Girotto, Antonio Faraò e Tullio De Piscopo in ambito jazz ad Alex Britti con ospite la grande tromba di Flavio Boltro, passando per la voce brasiliana di Rosalia De Souza, il prestigioso violoncello di Mario Brunello e il favoloso talento pianistico del giovanissimo Elia Cecino per la classica, sarà l’ennesima parata di stelle.

Sera dopo sera “ritroveremo molto Sudamerica, nel centenario della nascita di Astor Piazzolla” ha annunciato Livio Bollani durante l’articolata presentazione del programma, con accanto il neopresidente della Fondazione di Piacenza e Vigevano, Roberto Reggi, e il presidente di Fondazione Valtidone Musica, Franco Albertini.

Si ricorda la gratuità dei concerti (eccetto l’appuntamento finale al Teatro Municipale di Piacenza in coproduzione con Fondazione Teatri) sino ad esaurimento posti. In caso di maltempo i concerti all’aperto saranno spostati o rinviati. Si consiglia di tenersi aggiornati sul sito www.valtidone-competitions.com e sulle pagine social del Festival, anche per poter prenotare l’accesso agli eventi garantendosi un posto a patto di arrivare e occuparlo entro mezz’ora prima dell’inizio.

IL PROGRAMMA COMPLETO 

© Copyright 2021 Editoriale Libertà