Galleria Ricci Oddi: arriva la svolta, pronta la bozza per farne una fondazione

02 Novembre 2021

La svolta per la Galleria Ricci Oddi di Piacenza è dietro l’angolo. E’ pronta la bozza del nuovo statuto che svecchia l’impianto di quello originario del 1931, istituisce la forma della Fondazione e tuttavia ad una prima lettura non stravolge lo spirito del precedente statuto. Fra le novità spicca il superamento di una prescrizione che da tempo appariva obsoleta – dettata dal mecenate – di riservare un posto sine die nel consiglio di amministrazione ad un esponente della famiglia Ricci Oddi, ma solo appartenente alla linea maschile. La bozza del nuovo statuto supera il vincolo di genere e finalmente ammette la linea femminile. Domani, mercoledì 3 novembre, alle 17, si riuniranno a Palazzo Mercanti le due commissioni congiunte Servizi Sociali e Sviluppo economico, presiedute rispettivamente da Carlo Segalini e da Antonio Levoni, per affrontare la discussione su questa bozza elaborata dal notaio Massimo Toscani. Altra novità, la possibilità di portare da 7 a 9 i consiglieri.

© Copyright 2022 Editoriale Libertà