Centrodestra contro Corvi: “Chiarisca su eventuale conflitto di interessi”

30 Ottobre 2022

“E’ una situazione imbarazzante, voglio approfondire la questione con l’Anac, l’Autorità nazionale anticorruzione, per ovvie ragioni quantomeno di opportunità”. È l’intervento dell’ex assessore al welfare Federica Sgorbati, consigliere comunale di minoranza (civica Barbieri-Liberi), che punta il dito contro la sua succeditrice Nicoletta Corvi, titolare della delega ai servizi sociali nella giunta Tarasconi ed ex direttrice provinciale di Confcooperative, incarico da cui risulterebbe in aspettativa dal 1º agosto, cioè due settimane dopo l’inizio del mandato amministrativo a Palazzo Mercanti. Da qui il casus belli: Sgorbati solleva il problema e ipotizza un’ombra di incompatibilità.

“Fin da subito – interviene l’esponente di centrodestra – sono stata molto dubbiosa sull’opportunità della nomina di Corvi ad assessore ai servizi sociali. Da tempo, infatti, è rappresentante della cooperazione sociale e per oltre dieci anni è stata direttrice di Confcooperative Piacenza. La delega al welfare, inevitabilmente, porta a interfacciarsi con il mondo della cooperazione che, nella quasi totalità dei casi, si occupa proprio di disabilità, infanzia e fragilità. Da un giorno all’altro, quindi – prosegue Sgorbati -, Corvi si è trovata a svestire i panni del portatore di interessi della cooperazione sociale e a vestire quelli dell’amministratore di un ente pubblico”.

Sgorbati ha presentato un’interrogazione all’amministrazione comunale “per approfondire la questione anche alla luce della normativa vigente, ma in ogni caso – aggiunge l’ex esponente della giunta Barbieri – ritengo che prima di addentrarci nella prassi dell’Anac in tema di trasparenza e conflitto di interessi, approfondimento che verrà fatto non appena riceverò risposta, sarebbe stato meglio evitare di porre oggi l’assessore in questa situazione. Dopo oltre tre mesi dall’insediamento, tra l’altro, Corvi appare tuttora direttrice di Confcooperative sul sito internet dell’associazione di categoria”.

LA REPLICA – L’assessore ai servizi sociali Nicoletta Corvi replica all’attacco del centrodestra: “Ho sottoscritto l’accettazione della delega al welfare lo scorso 14 luglio e il giorno dopo ho richiesto l’aspettativa da Confcooperative, che però mi è stata concessa dal 1° agosto per concludere alcune pratiche ed effettuare il passaggio di consegne. Ma dal primo momento, sia ben chiaro, mi sono occupata quasi totalmente del mio impegno in Comune. Ho consapevolezza del mio nuovo ruolo, lo interpreto con la massima correttezza e trasparenza. Non vedo una contrapposizione tra l’ente pubblico e le cooperative sociali, che concorrono allo sviluppo del benessere della comunità – conclude Corvi -. Si tratta di una polemica sterile e infondata”.

IL SERVIZIO DI THOMAS TRENCHI:

© Copyright 2023 Editoriale Libertà