Premio Illica, il 24 luglio la 32° edizione. Formula rinnovata con tre atti d’opera

14 Luglio 2021

Uno scatto del Premio Illica edizione 2019

Avrà una formula completamente rinnovata il Gala d’opera della 32° edizione del Premio Illica, fondato sessant’anni fa per rendere omaggio al grande librettista nativo proprio di Castell’Arquato. Qui, nella piazza monumentale del borgo, sabato 24 luglio alle 20.00 si terrà la serata conclusiva, nell’ambito del VIII Festival Illica, allestita con la regia del direttore musicale e artistico Fabrizio Cassi.

Contribuiscono alla realizzazione della manifestazione, il Comune di Castell’Arquato con il suo personale, la Proloco e, in modo particolare, l’assessore alla cultura Gilda Bojardi.

Alcune decisioni sono state figlie delle regole del tempo della pandemia. “Non ritengo – ha spiegato Cassi – che sia proponibile l’opera nelle attuali circostanze, perché i movimenti sono limitati. Non si può prevedere un duetto d’amore con due persone che cantano a due metri di distanza”.

La soluzione è arrivata prendendo spunto da quella adottata dal Metropolitan di New York per celebrare un artista, ossia tre atti in grado di mettere in luce le caratteristiche del cantante.

Dopo la premiazione dei vincitori, la serata vedrà esibirsi nel Gran Gala alle ore 21.15 un cast composto da eccellenze del panorama musicale, tra cui Renata Campanella, Badri Maisuradze, Claudio Sgura, Marta Torbidoni, Yao Bohui, Angelo Villari e Cristina Melis, accompagnati dalla “Bazzini Consort Orchestra” di Brescia.

Sul palco salirà lo stesso Illica, interpretato dall’attore Giorgio Melazzi, che introdurrà ogni sezione ­- il terzo atto della “Bohème”, pagine scelte dell”Andrea Chénier” e il terzo atto di “Madama Butterfly” – permettendo di entrare nella fucina creativa dello scrittore arquatese.

 

GLI ALTRI APPUNTAMENTI – Non solo il 32° Premio “Luigi litica”, assegnato a cadenza biennale, e il Gala d’opera che suggellerà la lunga serata del 24 luglio. Al celebre librettista verrà dedicata ”lllicamente”, in collaborazione con il Conservatorio Nicolini, che aprirà la settimana con il concerto di sabato 17 luglio alle 21.00 al parco delle Driadi di Castell’Arquato. A esibirsi il “Percussion ensemble”, una performance dal vivo con protagonista la grande famiglia degli strumenti a percussione. Sempre al parco delle Driadi, alle 21.00 di  martedì 20 luglio, salirà invece sul palco un Quintetto di fiati, che proporrà anche un omaggio ad Astor Piazzolla, nel centenario della nascita compositore argentino. Ci sarà inoltre spazio per un approfondimento più specifico sulla poliedrica figura di Luigi lilica (1857­-1919), in programma domenica 18 luglio alle 21.00 nei Giardini del Museo Geologico “Giuseppe Cortesi”, con la conversazione su “Luigi Illica scrittore” alla quale interverranno Mariateresa Dellaborra, musicologa e docente di Storia della musica al Conservatorio Nicolini, e Giangiacomo Schiavi, giornalista del Corriere della Sera e scrittore.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà