Piacenza

Ikea, blocchi pronti a tornare
I Cobas scelgono anche la via legale

29 novembre 2012

I Cobas hanno comunicato alle cooperative che operano in Ikea la ripresa dello stato di agitazione dopo una “tregua” di circa due settimane. «Abbiamo aspettato invano un confronto chiarificatore – ha dichiarato Aldo Milani – ma non possiamo che ricominciare la lotta per far valere i diritti degli operai e del nostro sindacato». La “battaglia” dei Cobas ha preso però anche un’altra via, quella legale: circa cinquanta facchini – tra cui i dodici sospesi per il picchetto del 17 ottobre – si sono rivolti all’avvocato Gianmarco Lupi: «A nostro avviso – afferma il legale – ci sono dei profili di irregolarità sia nei provvedimenti a carico dei 12 operai, sia nelle buste paga. Se le coop non chiariranno, non potremo fare altro che rivolgerci al tribunale».

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca Piacenza Video Gallery

NOTIZIE CORRELATE