Piacenza

Progetto Vita Sport, sei nuovi defibrillatori pronti a essere donati

25 gennaio 2013

Il defibrillatore danneggiato lungo l’argine del Po

La solidarietà dei piacentini è più forte degli stupidi. Nel giorno in cui è andata in questura a denunciare gli atti vandalici subiti dai defibrillatori posti lungo l’argine del Po a Borgotrebbia, la dottoressa Daniela Aschieri, presidente dell’associazione Il Cuore di Piacenza, annuncia che grazie alle donazioni di sponsor privati sono già stati prenotati sei nuovi apparecchi salvavita da sistemare in altrettanti impianti sportivi. Si tratta dei primi positivi risultati di Progetto Vita Sport, l’iniziativa che punta a posizionare un defibrillatore in ciascun centro sportivo di città e provincia. “L’obiettivo è molto ambizioso – spiega la Aschieri – ma siamo certi che anche in questo caso i piacentini sapranno stupirci con la loro generosità: l’inizio è molto incoraggiante, in pochi giorni abbiamo già ricevuto sei donazioni. Speriamo che questa sensibilità arrivi a tutti e non si ripetano più altri atti vandalici ai danni degli apparecchi: abbiamo presentato denuncia proprio per far capire la gravità di questi gesti”. E visto che non è la prima volta che i defibrillatori sull’argine sono presi di mira, l’associazione starebbe pensando di installare un sistema di videosorveglianza: chissà che anche in questo caso non si faccia avanti un donatore.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca Piacenza Provincia

NOTIZIE CORRELATE