Pazienti contro medici, 65 cause aperte a Piacenza

02 Febbraio 2013

Si dividono in 53 civili e 12 penali le azioni legali attualmente a carico dei medici piacentini: “Le cause sono aumentate in maniera sensibile, ogni anno in provincia vengono aperti dai 70 agli 80 sinistri” ha spiegato Annamaria Greco, vicepresidente dell’ordine dei medici chirurghi e odontoiatri di Piacenza.
Gli specialisti maggiormente accusati di aver commesso errori nella cura dei pazienti sono i medici chirurghi, in particolare gli ortopedici, mentre i risarcimenti più consistenti vengono richiesti ad ostetrici e ginecologi, “La situazione ha raggiunto livelli insostenibili” ha commentato Franco Colombo, segretario provinciale dell’Aogoi (Associazione ostetrici ginecologi ospedalieri italiani).
Per la crescita ormai incontrollata del contenzioso medico- legale e per protestare contro i tagli alla sanità il prossimo 12 febbraio si terrà il primo sciopero nazionale della categoria. “Sono circa sedici i ginecologici che lavorano presso gli ospedali piacentini e credo che l’adesione allo sciopero sarà totale” ha spiegato Colombo.
Il 12 febbraio niente parti programmati (fatte salve le emergenze), esami, visite ed ecografie, negli ospedali pubblici e privati.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà