Smog: sforamenti ridotti del 65% in città e provincia

06 Marzo 2013

Qualità dell’aria: netto miglioramento in città e provincia. A evidenziarlo sono i dati dei rilevamenti effettuati dall’agenzia Arpa nei primi due mesi del nuovo anno. Le quattro centraline di monitoraggio dei livelli di pm10 hanno registrato una netta diminuzione delle polveri sottili presenti nell’aria, rispetto agli stessi mesi degli ultimi cinque anni: a gennaio 2013 la stazione all’angolo di via Giordani ha segnalato la presenza media mensile di 42 microgrammi di pm10 per metro cubo (57 microgrammi a gennaio 2012) mentre a Parco Montecucco la quantità media di pm10 è passata dai 50 microgrammi del primo mese del 2012 ai 40 microgrammi di gennaio 2013. Lo stesso trend positivo caratterizza anche i cosiddetti “sforamenti”, ovvero i superamenti limite giornalieri per la protezione della salute umana: sullo stradone Farnese le giornate critiche sono passate da 21 (febbraio 2012) a 7 (febbraio 2013). “Il clima invernale, caratterizzato da freddo, pioggia e neve ha contribuito in modo fondamentale a riportare la quantità di polveri sottili sotto i livelli di guardia – ha spiegato Giuseppe Biasini, direttore dell’agenzia Arpa – ma stiamo anche iniziando a raccogliere i primi frutti di tutta una serie d’iniziative a tutela dell’ambiente, a cominciare dai nuovi standard cui devono adeguarsi le aziende”.
Il comune di Fiorenzuola, al fine di migliorare il quadro conoscitivo della situazione ambientale e della qualità dell’aria, da giovedì 7 marzo, per due settimane, installerà in viale Matteotti un laboratorio mobile della rete provinciale di monitoraggio della qualità dell’aria.

 

© Copyright 2021 Editoriale Libertà