Riforma della giustizia: avvocati in sciopero, lunedì la raccolta firme

13 Settembre 2013

20130913-141429.jpg

La Camera Penale di Piacenza, associazione di avvocati, sarà in sciopero dal 16 al 20 settembre prossimo; un’astensione dalle attività giudiziarie motivata dall’esigenza di porre l’attenzione sulla necessità di attuare una riforma della giustizia e dalla volontà di contribuire alla raccolta firme, in favore del referendum.

L’iniziativa è stata annunciata questa mattina dall’avvocato Andrea Perini, presidente della Camera Penale piacentina: “Ci tengo a precisare che non si tratta di uno sciopero a favore di qualche schieramento politico o di un suo rappresentante, ad esempio Berlusconi, né di una manifestazione fatta negli interessi dell’avvocatura – ha spiegato Perini – è un’iniziativa volta a tutelare gli interessi e i diritti dei cittadini e perché si prenda consapevolezza del silenzio che è stato fatto calare sul l’esigenza di una riforma della giustizia”.
Lunedì 16 settembre, nell’atrio del Tribunale, gli avvocati saranno a disposizione dei cittadini per illustrare le motivazioni delle riforma e del referendum, con un banchetto per la raccolta firme. In un comunicato ha annunciato che si unirà alla raccolta anche la Camera Civile degli Avvocati di Piacenza, in virtù di quanto deliberato oggi dall’Unione Nazionale delle Camere Civili. Sosterrà quindi i referendum sulla giustizia.

In Tribunale oggi erano in corso anche le elezioni di cinque consiglieri alla cassa nazionale previdenza e assistenza forense; le urne resteranno aperte fino a giovedì 19 settembre.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà