Addio a quattro semafori, il Comune pensa alla rivoluzione della viabilità

21 Maggio 2014

foto-6

Il Comune sta pensando a un’altra piccola rivoluzione della viabilità per rendere ancora più scorrevole il traffico dell’anello stradale a ridosso del centro storico e nella prima periferia. In attesa della realizzazione dell’ambizioso progetto di rendere a senso unico il tratto di Corso tra il Facsal e Stradone Farnese, è allo studio l’eliminazione di due semafori. Il primo a essere sostituito da una rotatoria dovrebbe essere quello all’incrocio tra via IV Novembre, via Alberici e via Nasolini, oggi un tappo per la circolazione, soprattutto nelle ore di uscita delle scuole. Il progetto del Comune è in fase avanzata e pare ci siano le condizioni tecniche per realizzare il rondò.
Più complesso, ma ritenuto altrettanto importante, l’intervento all’incrocio via XXIV Maggio-via Raffalda. In questo caso lo spazio a disposizione è minore, l’assessorato ai lavori pubblici sta quindi pensando non tanto a una rotonda, quanto piuttosto a una serie di rialzi e cordoli che possa meglio indirizzare il flusso veicolare, riducendo così le lunghe code che si formano a ogni rosso del semaforo.

Accolta di buon grado dall’assessore Giorgio Cisini, infine, la sollecitazione lanciata dai Moderati Roberto Colla e Lucia Rocchi per eliminare i semafori alla fine di via Cella. Il primo, all’intersezione con via Raffalda, è fattibile senza grossi problemi, qualche approfondimento in più serve invece per quello con via Stradella. Il Comune ci sta lavorando già da un po’.

Per tutti questi progetti, in ogni caso, se ne dovrà riparlare dopo l’approvazione del bilancio, visto che ora come ora non possono essere realizzati proprio per la mancanza di una copertura economica certa.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà