Omicidio via Colombo, l’intercettazione: “A questi devo dare una lezione”

05 Agosto 2014

Omicidio in via Colombo

“A questi devo dare una lezione, trovami un ferro”. Questa frase intercettata dagli investigatori circa un mese prima del delitto di Sadik Hajderi, sarebbe stata rivolta da Mersin Uku per telefono al fratello Donard, il quale avrebbe risposto: “Per fare cosa?”. E Mersin, che in quel momento si trovava in Albania, avrebbe aggiunto: “Vengo su e ne metto uno su una sedia a rotelle”. Il “ferro” nel gergo malavitoso significa pistola. Al momento della telefonata fra i due fratelli, Mersin si trovava in Albania e Donard in Italia.

L’intercettazione, nel corso della quale i due fratelli avrebbero parlato del “ferro”, era avvenuta circa un mese prima del delitto. I due albanesi erano però già monitorati dai carabinieri a causa di un altro delitto, quello di Gropparello, nel quale i fratelli Uku non c’entrano nulla, ma vi è però coinvolta Suada Zylyfi, moglie di Mersin. La donna figura infatti nell’inchiesta dell’omicidio di Francesco Casella, 78 anni, assassinato a Gropparello dal figlio con una pistola sparachiodi nel luglio dello scorso anno. Per questo delitto la ragazza albanese è indagata per circonvenzione d’incapace.

I dettagli in edicola oggi con il quotidiano Libertà.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà