Piacenza

Allargato il patto di stabilità,
12,6 milioni per i comuni colpiti

29 settembre 2015

fonte:Vigili del Fuoco

fonte:Vigili del Fuoco

“Il Consiglio dei Ministri di stamattina ha approvato l’ampliamento di circa 12,6 milioni di euro dello spazio di spesa del Patto di Stabilità del 2015 per tutti i Comuni e per le Province di Piacenza e Parma colpite dall’alluvione del 14 settembre scorso”. Lo annuncia il Sottosegretario all’Economia Paola De Micheli.

“Il Governo ha stabilito che per l’anno 2015, per far fronte ai danni causati – precisa il Sottosegretario – dagli eccezionali eventi meteorologici che hanno investito il territorio delle provincie di Piacenza e Parma, l’obiettivo del patto di stabilità interno è ridotto di 2,5 milioni di euro per la provincia di Parma, di 6,5 milioni di euro per la provincia di Piacenza e di complessivi 3,679 milioni di euro per i comuni che sono stati colpiti dall’alluvione. Il criterio di ripartizione scelto è legato alle opere di massima urgenza da realizzare entro i prossimi due mesi. Si tratta di una misura conseguente alla concessione dello stato di emergenza deliberato dal Consiglio dei Ministri del 25 settembre scorso che offre una risposta concreta e tempestiva alle richieste degli amministratori locali”.

“Entro la fine del 2015 i Comuni e le amministrazioni provinciali potranno ampliare in maniera significativa – fa notare – le possibilità di spesa, ma anche inserire donazioni, per gli interventi legati alla ricostruzione pubblica e al ripristino delle condizioni di sicurezza dei fiumi”.

Intanto a Roncaglia è previsto l’arrivo, giovedì mattina, del presidente della regione Emilia Romagna Stefano Bonaccini, che effettuerà un sopralluogo per rendersi conto di persona dello stato delle cose. Tra mille difficoltà, le attività commerciali hanno riaperto i battenti mentre i cittadini che hanno perso mobili, auto e che si sono trovati con la casa seriamente danneggiata stanno ancora lavorando per tornare alla normalità.
La falegnameria Bosi di Roncaglia è quella che ha subito maggiori danni. Gli operai e il titolare stanno ripulendo i capannoni dal fango e dai detriti lasciati dal passaggio del Nure. L’energia elettrica è ancora fuori uso e gli uffici sono tornati operativi grazie a un apposito generatore. Alcuni commercianti stanno valutando la possibilità di organizzare una serata benefica per raccogliere ulteriori fondi da destinare alle famiglie più penalizzate.

L’alluvione del 14 settembre è costata la vita a due persone, mentre una terza risulta ancora dispersa. Filippo Agnelli non è stato mai ritrovato nonostante le ricerche senza sosta che ieri si sono concentrate anche a Pontedellolio con l’ausilio di 5 cani addestrati. Il 67enne era stato inghiottito dal Nure a Bettola assieme al figlio Luigi, il cui corpo era stato invece individuato a poche centinaia di metri dalla vettura su cui i due viaggiavano quella mattina, diretti all’ospedale di Como dove non sono mai arrivati.

Iniziative di solidarietà – A favore delle popolazioni colpite dall’alluvione saranno devoluti da Teatro Gioco Vita i proventi dello spettacolo in cartellone giovedì 1 ottobre alle ore 21 al Teatro Comunale Filodrammatici: “Il giardino delle ciliegie” delle Nina’s Drag Queens.
A tale scopo offrirà il ricavato della serata anche l’Associazione Amici di Roccapulzana, che tradizionalmente in occasione dell’inaugurazione del Festival prepara in via Santa Franca a scopo benefico i “Batarò”, piatto tipico della Valtidone, per tutto il pubblico e la città.

Il sindaco di Farini Antonio Mazzocchi fa sapere che la festa della patata di Mareto è stata rinviata dal 4 all’11 ottobre.

 

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca Piacenza Provincia Val Nure Val Trebbia Video Gallery

NOTIZIE CORRELATE