Animali morti per sostanze tossiche, 44 casi dal 2013. Riunione in Prefettura

13 Aprile 2016

bocconi avvelenati

Sono quarantaquattro i casi di animali morti per sostanze tossiche confermati dall’Istituto Zooprofilattico piacentino di Gariga dal 2013 ad oggi, sette nel Comune di Piacenza. Non si sa con certezza – anche se molte delle indagini sono tuttora in corso – se dietro tali azioni vi sia dolo, oppure se si tratti dell’esito dell’impiego di sostanze chimiche usate in agricoltura. Di certo per almeno quattro casi si può escludere l’avvelenamento accidentale.

E’ questo il quadro emerso dalla riunione del tavolo tecnico “Bocconi avvelenati” convocato in Prefettura dal viceprefetto vicario Elio Faillaci, il quale ha invitato i Comuni ad un’azione congiunta sul problema.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà