Piacenza

Vigili del fuoco: arrivato quadro da 110mila euro. “Ma docce danneggiate da mesi”

27 ottobre 2016

vigili del fuoco

E’ stata consegnata al Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Piacenza l’opera d’arte realizzata a seguito del bando del Ministero Infrastrutture e Trasporti, del valore di oltre 110.000 euro. Per legge, infatti, i nuovi edifici pubblici devono essere “abbelliti” con opere d’arte. Scatta la polemica del coordinamento provinciale della Cgil dei vigili del fuoco di Piacenza: “La caserma di strada Valunre, ancora oggi, a ben 4 anni dall’apertura, ha gli stessi problemi iniziali e nulla è stato fatto dalla dirigenza né tantomeno dal ministero per migliorare la situazione dell’immobile, come sempre a causa della mancanza di fondi economici. Nelle giornate di maltempo e pioggia, l’acqua si infila sotto le porte allagando i corridoi e ammalorando i muri. Gli scarichi delle docce perdono da più di 6 mesi e l’acqua scende nell’autorimessa”.
Gli artisti che hanno realizzato l’opera Nicola Renzi e Arthur Duff spiegano che “il bassorilievo intitolato “1456_2012”  cerca di visualizzare, tradurre, cristallizzare in linguaggio estetico e visivo l’importante attività svolta dai vigili del fuoco nell’ espletamento del loro lavoro nel corso dei secoli. E’ un tappeto di segni, delle avversità presentate e delle risposte restituite con il dovere degli uomini e donne, che hanno prestato loro stessi. Un luogo, dove coabitano avvenimenti tragici ricordati attraverso la loro collocazione territoriale diventando essi stessi grammatica visiva”. Il nostro punto di partenza – spiegano ancora gli autori – sono le calamità avvenute in Italia dal 1456 al 2012 dove nel corso delle successive alluvioni, terremoti, frane, eruzioni, inondazioni, nubifragi, crolli, epidemie, incidenti chimici, emergenze radioattive o neve, dissesti idrogeologici, questi eroi, in una forma più o meno costituita, erano presenti”

20161027_111543

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca Piacenza Video Gallery

NOTIZIE CORRELATE