Salute

Disturbi alimentari, in crescita “l’anoressia invertita” negli uomini

14 giugno 2017

Il disagio, la dignità della cura e la disinformazione. Tre temi affrontati per fotografare i disturbi del comportamento alimentare. A Piacenza lo scorso anno gli ambulatori dedicati a queste patologie hanno avuto 120 nuovi accessi. I medici ribadiscono l’importanza di un intervento allargato che porti alla stretta collaborazione nutrizionisti e psicologi. Lo scorso sabato 10 giugno in un convegno dedicato all’alimentazione nella sede della Banca di Piacenza alla Veggioletta sono state messe in risalto alcune ricerche che dimostrano un’alta correlazione tra i disturbi alimentari e i traumi subiti nella prima infanzia.  “In particolare gli abusi sembrano rappresentare un fattore di rischio” afferma a Telelibertà la dottoressa Giuseppina Canevisio.

Tra i nuovi disturbi riscontrati anche a Piacenza c’è l’aumento dell’anoressia invertita. “Porta giovani uomini a concentrarsi solo sulla massa muscolare e sulla potenza fisica” afferma la nutrizionista dell’Ausl Mara Negrati.

© Copyright 2019 Editoriale Libertà

CATEGORIE: Cronaca

NOTIZIE CORRELATE