Siccità

Produzioni dimezzate: Coldiretti chiede lo stato di calamità. Ecco tutti i danni alle colture

1 settembre 2017

Siccità record: Coldiretti chiede al presidente della regione Emilia Romagna Stefano Bonaccini lo stato di calamità. L’estate bollente, con temperature massime mai registrate in Emilia Romagna (soprattutto nella settimana 31 luglio 6 agosto) e un calo di precipitazioni del 60% rispetto alla media 2001-2015 hanno creato un mix esplosivo per le campagne dell’Emilia Romagna. È quanto afferma Coldiretti sulla base dei dati Arpae. Ecco tutti i danni:

Pomodoro: crollata la produttività per chi non ha potuto irrigare. Accorciata la stagione di raccolta con problemi nella fase di trasformazione.
Vino: calo produttivo del 20% rispetto al 2016, passato da 7,8 a 6,2 milioni di ettolitri. La produzione sarà comunque ottima.
Frutta: concentrazione delle maturazioni con conseguente eccesso di offerta sul mercato. Mediamente i prezzi della frutta pagati al produttore sono diminuiti tra il 10 e il 40%.
Grano: subirà un calo stimato da Coldiretti regionale attorno al 15%, ma con qualità altissime.
Mais: produzioni più che dimezzate nelle aree dove non è stato possibile irrigare (dagli oltre 100 quintali per ettaro di chi ha potuto irrigare ai 50-60 quintali senza irrigazione).
Riso: a causa del caldo avrà un anticipo di raccolta di una decina di giorni (si partirà attorno al 10-15 di settembre).
Miele: prima le gelate primaverili che hanno “bruciato” i fiori, poi il caldo e la siccità che li hanno seccati, hanno privato le api del loro bottino. La produzione di miele sarà dimezzata soprattutto il miele di acacia praticamente azzerato.
Latte: gli animali stressati dall’eccessivo caldo, bevono di più, ma producono meno latte. Coldiretti Emilia Romagna stima un calo produttivo di latte attorno al 15% per i mesi estivi.
Castagne: Le piante hanno quasi tutte perso le foglie e i frutti, si salvano ancora le piante in aree meno in pendenza dove c’è una maggiore umidità. Allo stato attuale si può parlare di un danno produttivo del 50%.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca Piacenza

NOTIZIE CORRELATE