L'anno scorso aveva fatto 7 morti

Influenza: due decessi e crollo dei casi gravi. Vaccinazioni in aumento tra bambini e personale sanitario

21 aprile 2019

L’influenza, quest’anno, è arrivata in ritardo ed è stata più clemente. Il picco si è registrato a fine gennaio mentre l’anno precedente il virus aveva bussato alla porta dei piacentini già nelle prime due settimane di dicembre. Si sono ammalate 30.800 persone, oltre il 10% della popolazione. I casi gravi sono diminuiti, passando dai 21 dell’anno scorso ai 13 di quest’anno, con due decessi contro i 7 della stagione passata.

A contribuire a una minore diffusione della patologia potrebbero essere state le temperature più miti ma anche la maggior adesione dei cittadini alla campagna di vaccinazione dell’Ausl. I vaccinati sono stati 54.774 con un aumento del 2,9%. I cronici sono saliti del 5,8% raggiungendo quota 1.067. Notevole l’incremento del personale sanitario che segna un +26,49%. Balzo del 20% anche per i bambini. I pediatri hanno vaccinato oltre 900 piccoli a fronte dei 755 del 2017. Resta invece stabile il dato che riguarda gli ultra 65enni proprio la fascia di popolazione più colpita e a rischio di complicanze. Anche le donne in gravidanza hanno risposto positivamente all’appello dei medici: 276 quelle ricorse al vaccino.

© Copyright 2019 Editoriale Libertà

CATEGORIE: Cronaca Piacenza

NOTIZIE CORRELATE