Sessanta milioni di euro

Terminal intermodale di Le Mose: a settembre i lavori per il raddoppio dei binari

1 agosto 2019

Ridurre sensibilmente i trasporti merci su gomma per trasferirli su rotaia. Partiranno a settembre i lavori del raddoppio dei binari al terminal intermodale di Le Mose, così da dare gambe a un progetto cullato da anni, quello del cosiddetto “Polo del ferro“. Due anni di lavori per un investimento da 60 milioni di euro che Piacenza Intermodale, la società che gestisce il terminal di Piacenza sul quale sono attestati i traffici di diversi operatori intermodali, effettuerà in collaborazione con Ferrovie dello Stato.

La conferma è arrivata dall’amministratore delegato di Piacenza Intermodale Piero Solcà che questa mattina, 1° agosto, ha accolto una delegazione composta dal sindaco Patrizia Barbieri e dal vicepresidente della Regione (con delega ai trasporti) Raffaele Donini, in tour nei principali poli logistici della provincia. Dopo la visita agli spazi del “cuore” della logistica, la delegazione si è spostata al deposito di Ikea 2, dove gli ospiti hanno preso confidenza con uno dei principali magazzini di smistamento del nord Italia della multinazionale svedese. In questa sede il sindaco ha confermato l’intenzione di fare del polo logistico piacentino un settore di assoluta avanguardia tecnologica.

© Copyright 2019 Editoriale Libertà

CATEGORIE: Cronaca Piacenza

NOTIZIE CORRELATE