Un anno di indagini

Mamma coraggio segnala il figlio ai carabinieri: 34 arresti per spaccio

14 novembre 2019

Grazie al coraggio di una mamma, che ha segnalato il figlio ai carabinieri, è stata smantellata una fitta rete di spaccio che operava anche nel Piacentino. Trentaquattro sono le persone arrestate di cui 17 in flagranza di reato e altre sette sottoposte ad obbligo di presenza.

“Mio figlio è finito in un giro di droga, aiutatemi” – la segnalazione di una mamma della Val Trebbia ha permesso così di smantellare il sodalizio criminoso. “Barone Rosso” è il nome dell’indagine, realizzata dall’Aliquota operativa del NOR della Compagnia di Bobbio, durata oltre un anno e costruita grazie a intercettazioni telefoniche, ambientali e pedinamenti. Su richiesta dalla Procura della Repubblica di Piacenza alle prime ore del mattino del 12 novembre, circa 70 militari hanno dato esecuzione ad un’ ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip nel confronti di 24 soggetti indagati per i reati di spaccio di sostanze stupefacenti in concorso. I grossisti avevano base soprattutto a Bergamo e rifornivano di droga (anche un chilogrammo a consegna) gli spacciatori residenti nel Piacentino che, a loro volta, cedevano lo stupefacente ai clienti. Cocaina e hashish venivano spacciati soprattutto nella zona della stazione ferroviaria di Piacenza, in via Castello e in centro storico oltre che a Bobbio, Rivergaro e Vigolzone. Un centinaio sono i clienti segnalati alla Prefettura.

Un’indagine molto complessa che ha fatto emergere quadri curiosi: un piacentino, per esempio, investiva il suo reddito di cittadinanza nell’attività di spaccio, un altro degli arrestati, che era ai domiciliari, utilizzava la moglie per le consegne in città. In provincia di Piacenza si è consumato anche un episodio intimidatorio con due persone, poi denunciate, che hanno minacciato un acquirente con una pistola affinché consegnasse loro più denaro di quanto gli spettasse. Complessivamente i carabinieri, che hanno operato in collaborazione con la stazione di Rivergaro, hanno sequestrato oltre 2 chilogrammi di hashish, un etto e mezzo di cocaina purissima e qualche grammo di marijuana.

© Copyright 2019 Editoriale Libertà

CATEGORIE: Cronaca Piacenza

NOTIZIE CORRELATE