“Agente sequestrato nel reparto da cinque detenuti”: la denuncia del sindacato Uspp

01 Marzo 2020

“Un agente del carcere di Piacenza sequestrato al’interno di un reparto da alcuni detenuti che chiedevano di parlare con la sorveglianza per futili motivi”: la denuncia arriva dal sindacato Uspp.  Il segretario regionale Gennaro Narducci aggiunge che nemmeno l’intervento del comandante di reparto è servito a calmare gli animi, anzi contro di lui sarebbero stati scagliati oggetti. L’agente, in base a quanto riferito dal sindacato, sarebbe stato fatto uscire dal reparto dopo alcune ore fortunatamente incolume e gli stessi detenuti, durante la notte, avrebbero inscenato un altro evento critico che ha richiesto l’intervento del personale. Il primo episodio si è verificato intorno alle 17 di ieri, sabato 29 febbraio.
Il sindacato, alla luce di quanto accaduto, chiede mezzi di intervento “contro detenuti che per futili motivi mettono a soqquadro i reparti” e invita la direzione “ad attuare un piano di pronto intervento in caso di situazioni critiche e a fornire strumenti idonei al personale per fronteggiare le emergenze quotidiane”.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà