Treno deragliato, riaperta la linea dell’Alta velocità tra Piacenza e Milano

02 Marzo 2020

 

E’ ripresa ieri sera, domenica 1 marzo, la circolazione dei treni dell’Alta velocità sulla linea Milano-Bologna interrotta dopo il deragliamento di un Frecciarossa a Ospedaletto lo scorso 6 febbraio. Nell’incidente morirono i macchinisti Giuseppe Cicciù e Mario Dicuonzo. Una volta dissequestrata l’area, i tecnici di Rfi hanno lavorato 24 ore su 24 per ripristinare la linea entro il 2 marzo. E hanno terminato con un leggero anticipo: i primi convogli hanno iniziato a circolare ieri in serata. Nei giorni scorsi era stato il ministro dei Trasporti, Paola De Micheli, ad anticipare la riapertura della tratta durante un’audizione in commissione Lavori pubblici del Senato.

“Nei prossimi giorni – aveva detto Paola De Micheli – ci saranno le condizioni per poter accedere alla tratta dell’Alta velocità Piacenza-Milano con una continua informazione per la delicatezza di quell’area anche per le restrizioni per il coronavirus”.

Intanto prosegue l’inchiesta della Procura di Lodi che vede indagate 18 persone. Gli accertamenti hanno confermato che a causare il deragliamento sarebbe stato un problema ad uno scambio, come “l’inversione dei cablaggi dell’attuatore numero 5”.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà