I sindacati chiedono sicurezza. “Forze dell’ordine facciano controlli sui bus”

15 Marzo 2020

“Le forze dell’ordine eseguano controlli a bordo degli autobus per garantire la salute di autisti e passeggeri”. Lo chiedono i sindacati dei trasporti Filt Cgil, Fit Cisl, Uil Trasporti, Faisa Cisal e Ugl in una lettera inviata a prefettura, questura, sindaco di Piacenza e Seta.

“Considerato il decreto Conte e l’obbligo di autocertificazione, chiediamo che le forze dell’ordine verifichino le autorizzazioni e la congruità e indifferibilità degli spostamenti anche bordo dei bus circolanti nella città e provincia di Piacenza, affinché venga rispettato il decreto a salvaguardia della salute dei lavoratori, degli utenti e dell’interesse collettivo dei cittadini”, scrivono le sigle del trasporto pubblico.

Come già nei giorni scorsi, inoltre, sempre al fine del contenimento del contagio, i sindacati si sono rivolti a Seta chiedendo “di intensificare le sanificazioni e distribuire le mascherine protettive come da disposizioni regionali e governative, a disporre indicazioni ai passeggeri a bordo di non occupare più di due posti per fila di sedili contrapposti rispetto al corridoio centrale e a file alternate”.

Filt Cgil, Fit Cisl, Uil Trasporti, Faisa Cisal e Ugl ricordano che il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, nel Dpcm 9 marzo 2020 ha disposto che sull’intero territorio nazionale gli spostamenti potranno avvenire solo se motivati da esigenze lavorative o situazioni di necessità o per motivi di salute da attestare mediante autodichiarazione attraverso la compilazione di moduli verificati dalle forze di polizia. “Vige inoltre il divieto assoluto senza eccezioni, previsto per le persone sottoposte alla misura della quarantena o che sono risultate positive al virus”.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà