Si va verso l’azzeramento del canone per ampliare i plateatici

13 Maggio 2020

Il Coronavirus ha colpito duramente Piacenza sia dal punto di vista sanitario che economico. Tante attività commerciali, sono al “collasso” e una buona percentuale potrebbe non riaprire i battenti il 18 maggio. Prima il lockdown e ora le nuove restrizioni imposte nella fase 2, per contrastare la diffusione del Covid-19, hanno dato il colpo di grazia a una crisi già presente. Il comune di Piacenza sta studiando provvedimenti per andare incontro alle esigenze del settore, dopo aver recepito gli appelli dei commercianti. La commissione consiliare  1 riunitasi oggi, 13 maggio, ha approvato il differimento delle scadenze di pagamento del canone per le occupazioni permanenti di suolo pubblico con una modifica al relativo regolamento adottato dal consiglio comunale nel 2017. In particolare è stato introdotto l’articolo 26 bis che prevede, tra le altre cose, l’agevolazione nel pagamento di occupazione in casi di eccezionale gravità. In caso di calamità naturali, epidemie, pandemie e altri eventi eccezionali la giunta comunale, nel rispetto degli equilibri di bilancio e per limitati periodi di tempo, potrà disporre di particolari agevolazioni a favore dei titolari di attività economiche. I termini di versamento per le occupazioni temporanee e permanenti potranno essere differiti sempre in casi eccezionali. La novità più importante riguarda la possibilità, concessa agli esercenti pubblici e quindi bar e ristoranti, di chiedere un ampliamento degli spazi esterni per consentire un distanziamento sociale, che non costerà nulla. L’assessore al bilancio Paolo Passoni spiega: “Questa modifica, una volta recepita dal consiglio comunale, consentirà agli esercenti di pagare un canone simbolico o, addirittura, l’esenzione. Mentre per chi ha già la concessione per l’occupazione abbiamo spostato al 31 luglio il pagamento degli spazi pubblici”. La modifica al regolamento è stata approvata con i voti della maggioranza. Non hanno partecipato Massimo Trespidi di Liberi, Andrea Pugni, Movimento 5 stelle, Luigi Rabuffi, Piacenza in Comune, Roberto Colla, Piacenza più Rizzi. In commissione i consiglieri di minoranza hanno chiesto la sospensione del canone e Passoni aggiunge: “Stiamo verificando se abbiamo le disponibilità economiche per esentare dal pagamento della Cosap per i mesi in cui le attività sono rimaste chiuse. Valuteremo anche un’estensione all’intero anno”.

La commissione consiliare si è aperta con un minuto di silenzio e con una rosa rossa appoggiata sul banco del consiglio comunale, occupato in passato da Nelio Pavesi, consigliere scomparso a causa del Coronavirus.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà