Ordinanza regionale

Si torna in Trebbia, ma con limitazioni. Sanzionati due campeggiatori

22 maggio 2020

Da domani, sabato 23 maggio, sarà possibile tornare in Trebbia, ma con le dovute restrizioni: divieto di assembramento e di campeggio, distanza minima di un metro per i non appartenenti allo stesso nucleo familiare, no a grigliate, si a eventuale pranzo al sacco. Sono le regole previste dall’ordinanza regionale n. 84 per il ritorno in spiaggia, e valide anche per le rive dei fiumi.

Indicazioni già operative, e che hanno già fatto le prime vittime: due campeggiatori milanesi che avevano piantato le tende a San Salvatore, oltre ad altri 8 che se ne sono andati, e sanzionati per 533 euro ciascuno per aver oltrepassato i confini regionali senza valido motivo, oltre ad altri 100 euro a testa per il divieto di campeggio.

Normative recepite dai sindaci dell’Unione Valtrebbia e Valluretta che sta predisponendo i cartelli da esporre lungo i punti d’accesso ai l fiume.

“Restano in vigore tutte le ordinanze già emanate negli anni scorsi – spiega il sindaco di Bobbio, Roberto Pasquali – e da domani scatteranno i controlli da parte dei carabinieri, della forestale e delle guardie ittiche”. Pasquali ha anche espresso un giudizio sulla movida serale, sulla quale spiega di aver visto foto di assembramenti nei locali: “Sono veramente molto preoccupato”.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca Val Trebbia

NOTIZIE CORRELATE