Consigliere di 59 anni

Oltre un mese in terapia intensiva, Maloberti: “Ho rivisto la luce dopo questo incubo”

27 maggio 2020

E’ stato Giampaolo Maloberti l’ultimo paziente uscito dalla terapia intensiva respiratoria dell’ospedale di Castel San Giovanni, chiusa al termine dell’enorme sforzo messo in campo per contrastare l’emergenza da Coronavirus.

Maloberti – storico militante leghista e consigliere comunale di Rivergaro – era entrato in rianimazione lo scorso 25 marzo: intubato e sedato, con un livello di ossigeno nel sangue bassissimo. Ha riaperto gli occhi poche settimane fa, il 26 aprile: dopo un interminabile ricovero in condizioni critiche, cominciato al pronto soccorso di Piacenza, proseguito nel nosocomio di Bentivoglio (in provincia di Bologna) e ora giunto al capitolo conclusivo a Castel San Giovanni. Oggi si trova infatti nel reparto di riabilitazione del nosocomio valtidonese: “Sto bene, adesso devo rimettermi in forma, anche dal punto di vista motorio. Nelle scorse ore, durante il trasferimento, ho rivisto la luce del sole. Che bello! Non mi sembrava vero…”. Una volta che sarà dimesso, Maloberti non ha dubbi sulla prima cosa da fare: “Prima andrò ad accendere una candela al santuario della Madonna del Castello a Rivergaro. E poi organizzerò una cena con anolini e bollito misto”.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca Val Tidone

NOTIZIE CORRELATE