Tre giorni senza vittime, Piacenza torna a respirare. “Ora serve equilibrio”

27 Maggio 2020


Nessun morto da Covid da tre giorni. Piacenza si ritrova a vivere una situazione inedita dopo quasi tre mesi di inquietudine e angoscia derivanti da una scia inarrestabile di vittime che hanno caratterizzato la fase più buia della nostra storia recente. Da tre giorni il dato sulle vittime si è arrestato quota 944, ma anche il trend relativo ai contagi ha subito un fortissimo arresto: ieri soltanto un tampone è risultato essere positivo, portando a 4.465 i piacentini infettati dal virus dall’inizio della pandemia.

E proprio in questo senso, l’ormai consolidato avviamento della fase-2 rappresenta motivo di preoccupazione per un possibile, ma non certo, innalzamento del numero dei contagi. Sono ovviamente i luoghi di aggregazione a rappresentare il pericolo maggiore e, anche ieri, il sindaco Patrizia Barbieri è tornata sull’argomento che vede coinvolti bar ed esercizi. Lo ha fatto, come ormai consuetudine, con un post pubblicato sulla sua pagina Facebook.

“Oggi ho incontrato le associazioni di categoria che rappresentano bar, ristoranti e pubblici esercizi per confrontarci sul tema della sicurezza – ha scritto il sindaco e presidente della Provincia -. I danni che questo settore ha subito sono ingenti e la maggior parte delle attività ha fatto tanti sacrifici per adeguare i propri locali e consentire a tutti di rispettare le regole. Sono proprio gli stessi rappresentanti dei pubblici esercizi a chiedere di premiare chi rispetta e fa rispettare le norme di sicurezza e di punire, invece, chi trasgredisce mettendo in pericolo la salute dei cittadini e rischiando di provocare nuove chiusure.

Dobbiamo trovare il giusto equilibrio tra la legittima voglia di ricominciare a vivere, anche frequentando bar e ristoranti, e la necessità di tenere alta la guardia. A tal proposito volevo condividere questo video che ha realizzato la Regione Veneto per sensibilizzare sull’argomento “happy hour”, senza condannare in alcun modo chi vuole bere un aperitivo con gli amici, ma sottolineando i comportamenti sbagliati che devono essere evitati”.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà