Covid, ieri due vittime. Nuova ordinanza: si beve solo al tavolino

02 Giugno 2020


Sono tornati a registrarsi purtroppo nuove vittime a causa del Covid-19: ieri, lunedì 1 giugno, due i decessi che hanno portato il totale complessivo da inizio emergenza a quota 948 vittime. Due anche i contagi riscontarti dai tamponi effettuati: sono ora 4.489 i residenti nella nostra provincia ad essere entrati in contatto con il Coronavirus.

Nel frattempo, nella serata di ieri, il sindaco Patrizia Barbieri ha licenziato una nuova ed importante ordinanza volta ad evitare assembramenti. Con il provvedimento sindacale, dal 1 al 30 giugno, dal venerdì alla domenica oltre che nei festivi e prefestivi, entrano in gioco limitazioni volte a ridurre i rischi di contagio commessi alla “movida”.
Più nel dettaglio sarà “vietata la vendita per asporto di bevande alcoliche, di qualsiasi gradazione, in qualsiasi contenitore e di qualsiasi bevanda analcolica in contenitori di vetro, dalle ore 20.00 alle ore 07.00 da parte degli esercizi di commercio al dettaglio in sede fissa e su area pubblica, attività artigianali, distributori automatici e pubblici esercizi, che siano autorizzati alla somministrazione in loco di alcool e bevande” si legge nel dispositivo dell’ordinanza. Non solo: “è vietata la diffusione sonora in qualsiasi forma nei dehors ed all’esterno dei pubblici esercizi di tutto il territorio comunale, rimanendo possibile la stessa esclusivamente all’interno dei locali e come diffusione di sottofondo musicale non generato da musica dal vivo”. E per finire gli “esercizi commerciali al dettaglio destinati alla vendita di alimentari, anche nelle forme del minimarket, dovranno osservare la chiusura dalle ore 20,00 alle ore 7,00”.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà