Clienti tra il 24 e 25 luglio

Vanno in discoteca e risultano positivi al Covid: chiuso il Paradise, Ausl invita i frequentatori a sottoporsi al tampone

31 luglio 2020

Chiunque avesse frequentato la discoteca “Chikos – Paradise” di strada dell’Aguzzafame 87, a Piacenza, nella notte tra venerdì 24 e sabato 25 luglio, è invitato dall’ausl di Piacenza a prendere contatto con il dipartimento di Sanità pubblica per effettuare un tampone per la rilevazione del Covidd-19. L’azienda ha infatti ricevuto da un laboratorio privato la notifica di due casi positivi di Coronavirus. Durante l’indagine epidemiologica svolta dall’igiene pubblica è emerso che le due persone hanno frequentato, precedentemente alla comparsa di lievi sintomi, la discoteca Paradise di Piacenza. Per questo, a fini precauzionali, l’Ausl invita tutti coloro che erano presenti nel locale a mettersi contatto:

COME FARE – scrivendo una mail con nome e cognome, data di nascita e recapito telefonico a [email protected]
– chiamando i numeri di telefono: 0523.317930  venerdì 31 luglio fino alle ore 18, sabato 1 agosto dalle 8 alle 12 oppure 0523.317830 venerdì 31 luglio fino alle ore 18, sabato 1 agosto dalle 8 alle 17  e domenica 2 agosto dalle 8 alle 14. Entrambi i numeri saranno poi contattabili lunedì dalle ore 8 alle 18.

Nel caso fossero presenti sintomi, occorre invece rivolgersi al proprio medico di famiglia o, durante il fine settimana, al servizio di continuità assistenziale (0523.343000).

LOCALE CHIUSO – Intanto il servizio Marketing e Commercio del Comune di Piacenza ha disposto la chiusura per 4 giorni, da venerdì 31 luglio a lunedì 3 agosto compresi, del locale, sia per quanto riguarda l’attività di intrattenimento danzante, sia per la somministrazione di alimenti e bevande.

Il provvedimento fa seguito agli accertamenti condotti dalla polizia Locale il 26 luglio scorso, quando si è rilevato il mancato rispetto della distanza interpersonale di un metro tra i clienti presenti al banco del bar, nonché l’assenza delle dotazioni protettive previste dalle linee guida della Regione Emilia-Romagna: in particolare, la segnaletica verticale e orizzontale volta a evitare assembramenti, oltre alle barriere di separazione della postazione cassa in ingresso. Di qui la disposizione di chiusura provvisoria a tutela della salute pubblica, in virtù della situazione di emergenza epidemiologica tuttora in corso, delle violazioni riscontrate alle misure di prevenzione stabilite dalle normative vigenti.

Intanto i nuovi positivi registrati oggi, 31 luglio, nel Piacentino sono cinque. Il totale complessivo dei contagi sale dunque a 4.610. Nessuna vittima si è registrata in tutta la regione Emilia Romagna.

DATI REGIONALI – Dall’inizio dell’epidemia da Coronavirus, in Emilia-Romagna si sono registrati 29.670 casi di positività, 36in più rispetto a ieri, di cui 21 persone asintomatiche individuate nell’ambito delle attività di contact tracing e screening regionali. Quasi 11mila i tamponi effettuati da ieri. “Nel mese di luglio su quasi mille casi di cittadini risultati positivi al Covid in Emilia-Romagna solo il 15% di loro si sono positivizzati, con sintomi, senza che fossero stati preventivamente isolati al loro domicilio o nelle strutture alberghiere messe a loro disposizione e testati con il tampone naso-faringeo- sottolinea l’assessore regionale alle Politiche per la salute, Raffaele Donini-. La battaglia non è ancora vinta, serve attenzione e responsabilità da parte di tutti, ma stiamo sempre di più rafforzando l’attività che ci permette di individuare gli asintomatici”.

CONTAGI – Questi i nuovi casi di positività sul territorio, che si riferiscono non alla provincia di residenza, ma a quella in cui è stata fatta la diagnosi: 4.610 a Piacenza (+5, di cui 1 sintomatico), 3.766 a Parma (+1), 5.096 a Reggio Emilia (+4 sintomatici), 4.129 a Modena (+3, di cui 1 sintomatico), 5.267 a Bologna (+7, di cui 6 sintomatici); 431 a Imola (+4), 1.084 a Ferrara (+1 sintomatico); 1.160 a Ravenna (+5, di cui 2 sintomatici), 994 a Forlì (+2), 830 a Cesena (invariato) e 2.303 a Rimini (+3).

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca Piacenza

NOTIZIE CORRELATE