Ripartenza scolastica

Covid, il liceo Gioia prepara la ripresa: “Webcam in aula per gli studenti a casa”

11 agosto 2020

Anche il liceo Gioia di Piacenza si prepara alla ripartenza delle lezioni post-Covid. Dal 14 settembre, però, non tutti gli studenti torneranno in classe: “Un terzo di loro, ogni tre o quattro settimane – spiega il vicepreside Fabrizio Pezza – resterà a casa, in collegamento remoto con una webcam posizionata in aula”. In questo modo, i banchi potranno essere distanziati per quasi due metri. “Inoltre, durante l’intervallo – aggiunge – impediremo ai ragazzi di muoversi liberamente nei bagni e nel bar. La ricreazione sarà perlopiù in aula o nel corridoio antistante. Gli ingressi saranno dilatati per venti minuti, aprendo più accessi all’istituto. E al pianterreno, vicino al portone, ci sarà un locale ad hoc per la quarantena temporanea degli allievi con sintomatologia da Coronavirus”. Per fare tutto ciò, anche il liceo Gioia necessita di un rinforzo immediato di personale: “Abbiamo richiesto – conferma il vicepreside – otto collaboratori Ata in più”. L’istituto di viale Risorgimento non utilizzerà i banchi a rotelle tanto sponsorizzati dal ministro Azzolina, nonostante ne abbia già in dotazione circa trenta acquistati negli scorsi anni scolastici: diversi docenti, alla prova dei fatti, li hanno ritenuti troppo piccoli e scomodi per le attività didattiche.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca Piacenza

NOTIZIE CORRELATE