Ripartenza complessa

“Al Respighi carenza di docenti, orario ridotto nelle prime settimane”

29 agosto 2020

Con un vero e proprio “rodaggio” il liceo Respighi di Piacenza metterà alla prova il sistema post-Covid in anticipo di una settimana rispetto all’inizio ufficiale delle lezioni scolastiche. Le classi prime e quinte – circa 500 allievi in totale – torneranno sui banchi a partire dal 7 settembre, sia nella sede centrale che nella succursale. L’istituto di barriera Genova, quindi, sperimenterà la propria organizzazione anti-Coronavirus su una fetta ristretta di studenti, in attesa di riaprire le porte a tutti gli oltre 1.200 iscritti. “Si lavora su un duplice fronte – spiega la preside Simona Favari – quello di garantire la sicurezza sanitaria senza però trascurare le esigenze pedagogiche”.

Per le prime settimane di attività, il Respighi sarà costretto a predisporre un orario ridotto: “Restiamo infatti in attesa – chiarisce la dirigente – di circa quindici docenti in più previsti in organico, oltreché di tre insegnanti richiesti come rinforzi per l’emergenza Covid”.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca Piacenza

NOTIZIE CORRELATE