Difesa: "Chiarirà tutto"

Inchiesta Odysseus, l’ex comandante Scattaretico indagato per favoreggiamento

16 settembre 2020

Il colonnello dei carabinieri Corrado Scattarretico, comandante provinciale dei carabinieri di Piacenza, risulta indagato nell’ambito dell’inchiesta sulla caserma Levante. L’ufficiale è stato ascoltato questa mattina per quasi due ore dal sostituto procuratore Matteo Centini e dal capo della procura Grazia Pradella, che conducono le indagini sulla vicenda che ha portato all’arresto dei carabinieri della stazione piacentina, accusati, fra le altre cose, di spaccio e tortura.
L’accusa a carico di Scattarretico sarebbe quella di favoreggiamento.

L’avvocato difensore Salvatore Catalano, raggiunto telefonicamente al termine dell’interrogatorio, si è detto “certo” che il colonnello “potrà chiarire la sua posizione. Ha risposto a tutte le domande poste dai pubblici ministeri”.

L’EX COMANDANTE SCATTARETICO SENTITO IN PROCURA – Il colonnello Corrado Scattaretico, comandante provinciale dei carabinieri di Piacenza dal settembre 2015 al settembre 2018, questa mattina poco dopo le 9.30 è entrato negli uffici della Procura per essere sentito nell’ambito dell’inchiesta dell’inchiesta Odysseus, l’indagine che ha portato all’arresto di un gruppo di militari della Stazione Levante accusati a vario titolo di torture, lesioni, estorsione, spaccio di droga e arresti illegali.

Scattaretico (assistito dall’avvocato Salvatore Catalano) è uscito attorno a mezzogiorno, salendo in auto e non fermandosi a rilasciare alcuna dichiarazione. Bocce cucite anche da parte della Procura, che non ha voluto rende noto alcun particolare relativo agli sviluppi dell’indagine in questa fase.

Nelle scorse settimane erano stati ascoltati come persone informate sui fatti anche il colonnello Michele Piras (successore di Scattaretico alla guida dell’Arma provinciale, fino al settembre 2018) e il maggiore Rocco Papaleo, la cui segnalazione aveva di fatto scattare l’indagine, condotta alla guardia di finanza e dalla polizia locale.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca Piacenza

NOTIZIE CORRELATE