Pesantissime le accuse

“Palpeggiava e molestava le bariste che lavoravano per lui”: 40enne in manette

8 ottobre 2020

Un barista di 40 anni è stato arrestato per aver abusato di almeno sei giovani che avevano lavorato alle sue dipendenze. Non risparmiando neppure una minorenne. L’uomo, che è piacentino, si sarebbe fatto forte del fatto che era il datore di lavoro e che le giovani avevano bisogno di un impiego. Sarebbe partito con apprezzamenti pesanti per poi passare alle vie di fatto con palpeggiamenti e strofinamenti. I fatti, partiti presumibilmente nel 2017, sarebbero proseguiti fino a pochi mesi fa in un bar della periferia della città. Secondo l’ipotesi accusatoria è impossibile quantificare gli episodi che si sarebbero ripetuti giornalmente.

Il magistrato inquirente aveva chiesto un ordine di custodia cautelare in carcere per l’uomo e il giudice ha disposto gli arresti domiciliari. Il quarantenne rimarrà ristretto nella propria abitazione con la moglie. L’arresto è stato compiuto oggi, 8 ottobre, dai carabinieri della stazione principale al termine di una serie di accertamenti. L’uomo, che avrebbe palpeggiato le parti intime delle bariste, è stato accusato di violenza sessuale. A far scattare le indagini la denuncia di una giovane barista. I militari della stazione Principale hanno raccolto la testimonianza della ragazza, per poi ascoltare le altre cinque donne che avevano lavorato nel bar del quarantenne. Tutte e cinque hanno confermato il medesimo “trattamento”. Le numerose testimonianze hanno indotto il pm Matteo Centini, che ha coordinato le indagini del caso, ha chiedere una misura cautelare per l’uomo. Il giudice, valutate le indagini, ha spiccato l’ordine di carcerazione che è stato eseguito dai militari dell’Arma.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca Piacenza

NOTIZIE CORRELATE