In centro il “presepe piacentino”: la capanna tra i cavalli del Mochi

01 Dicembre 2020

Un messaggio di speranza alla fine di un anno drammatico. Il “presepe piacentino”, esposto nella vetrina dell’Inps in piazza Cavalli, a Piacenza, rappresenta un simbolo assoluto di vita – la natività – ambientato nel cuore della nostra città, tra palazzo Gotico e i cavalli del Mochi realizzati con la stampante 3d. È un presepe contemporaneo e metaforico, ideato da Thomas Trenchi, quello inaugurato stasera (1 dicembre) in centro storico.

La tradizionale capanna con Maria, Giuseppe e Gesù Bambino, scaldati dal bue e dall’asinello, è raffigurata in mezzo a piazza Cavalli. Ogni mezz’ora (alle 18, 18.30, 19, 19.30, 20, 20.30 e 21) il presepe si accende e riproduce il passaggio dal giorno alla notte, con l’apparizione del cielo stellato e della stella cometa dietro al Gotico. Grazie a un codice Qr affisso in vetrina, i passanti possono ascoltare una video-narrazione direttamente sullo smartphone. Il presepe resterà esposto per tutto il periodo natalizio.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà