Centro commerciale Gotico alle istituzioni: “Noi chiusi nel weekend, in centro assembramenti senza controllo”

10 Dicembre 2020

Perché chiudere i negozi dei centri commerciali quando gli assembramenti si creano in altri luoghi? Se lo chiede Umberto Ponzini, presidente della galleria del Centro Commerciale Gotico di Piacenza, che ieri, 9 dicembre, ha inviato al prefetto, al sindaco e presidente della Provincia, al presidente della regione Emilia Romagna e all’assessore al commercio, una lettera dedicata alla chiusura dei negozi all’interno delle gallerie commerciali nel weekend, come previsto dal Dpcm del 3 dicembre scorso. “Non è nostra intenzione fare polemica – si legge nella nota- vogliamo solo aprire una riflessione su un problema che ci sta affliggendo. Lo spirito della lettera va letto come una valutazione tecnica di addetti del settore, ma apre una riflessione al problema economico che sta investendo questa categoria”. Il presidente fa riferimento al fatto che nei centri commerciali vengono rispettate tutte le regole anti contagio e, nel caso del Gotico, è stata creata una App per controllare i flussi di pubblico in tempo reale. “Diverso è nei centri storici dove si creano affollamenti incontrollati”. Alla lettera è stata allegata anche una fotografia, scattata il 6 dicembre, in Largo Battisti/Corso Vittorio Emanuele, a Piacenza, dove si vuole evidenziare la presenza di assembramenti in centro.

Lettera del Centro Gotico

 

© Copyright 2021 Editoriale Libertà