Bertuzzi lotta contro il Covid, la moglie si è spenta: sempre insieme fino alla fine

24 Dicembre 2020

Si erano conosciuti negli anni Quaranta alla scuola elementare di Coli: uno in un banco, l’altra nell’altro. A quattordici anni, si erano giurati che sarebbero stati insieme, sempre. E così è stato. Luigi Bertuzzi, classe 1938, poi sempre sui palchi dei comizi della Democrazia cristiana o in cattedra nelle scuole, da Coli al Colombini; Albina, poco più giovane, a pensare a lui e ai figli a casa. Ma sempre insieme, fino all’ultimo giorno, entrambi in ospedale, a Piacenza. Uno in un letto, l’altra nell’altro, tutti e due ricoverati per quel Covid che ha contagiato anche il figlio ora in isolamento. Albina Peveri, moglie dello storico sindaco di Coli Bertuzzi, non ce l’ha più fatta a lottare: è morta in ospedale martedì, nel tardo pomeriggio. Aveva 80 anni. Un dolore lacerante, che fa male più del Coronavirus, per il sindaco che ha guidato Coli praticamente senza sosta dal 1974 al 2004, in quei trent’anni in cui ha attraversato almeno sette alluvioni, sempre in giacca e cravatta, “perché le istituzioni e il senso dello Stato si rispettano sempre”.

Ora Bertuzzi deve continuare la sua lotta contro il Covid: respira autonomamente, ma la febbre alta lo affatica, tanto che venerdì scorso è stato portato in ospedale d’urgenza, tre giorni dopo il ricovero della moglie. Albina lascia il marito Luigi e i figli Enrico e Roberto.

L’ARTICOLO COMPLETO DI ELISA MALACALZA SUL QUOTIDIANO LIBERTÀ IN EDICOLA

© Copyright 2021 Editoriale Libertà