Ventiquattro vittime di incidenti. Polstrada: 115 patenti ritirate

15 Gennaio 2021

Piacenza viaggia in controtendenza, rispetto all’andamento regionale, per quanto riguarda i morti sulle strade nel 2020. Lo rivelano i dati dell’Osservatorio per l’educazione alla sicurezza stradale della Regione Emilia-Romagna. Un’annata, quella appena trascorsa, pesantemente segnata dall’emergenza Covid e nella quale il lockdown e le limitazioni alla circolazione hanno, di fatto, dimezzato in regione le vittime della strada, facendole passare dalle 352 del 2019 alle 164 dell’anno appena concluso. Non è stato così per il Piacentino, dove i decessi sono passati da 22 a 24.

Drastico calo invece, sia a livello regionale che provinciale, per i feriti, praticamente ridotti a un decimo e passati rispettivamente da 22.392 a 2.593, e da 1.466 a 170.

IL BILANCIO DELLA POLIZIA STRADALE – Nel 2020 la polizia stradale di Piacenza ha ritirato 115 patenti (assieme a 123 carte di circolazione), decurtando 7.989 punti e contestando 5.938 violazioni alle norme sulla circolazione stradale. Da gennaio a dicembre sono state impiegate 1.068 pattuglie. Le violazioni alle misure di contenimento della pandemia da Covid-19 sono state invece 943. Nel corso dell’anno appena passato sono stati inoltre controllati 1604 mezzi pesanti per il trasporto di merci.

Costante l’impegno messo in campo per contrastare la guida sotto effetto di alcol e stupefacenti: nonostante la ridotta attività a causa della pandemia si è comunque sottoposto a controlli quasi 3mila conducenti: di questi, 32 sono stati sanzionati per guida sotto l’influenza dell’alcool e quattro per guida in stato di alterazione psicofisica per l’assunzione di sostanze stupefacenti/psicotrope.

Particolare attenzione è stata rivolta al controllo del peso dei veicoli eccezionali. A questo proposito sono state sequestrate 30 autovetture di media/alta gamma, con relativa documentazione; nel corso della stessa operazione è stata data esecuzione all’ordinanza di custodia cautelate in carcere di un commerciante di auto e alla denuncia di altre 15 persone tutte responsabili di reati di riciclaggio, falsa nazionalizzazione di veicoli con documentazione estera di provenienza illecita. Ulteriore attività espletata in provincia ha permesso di denunciare a piede libero altre 68 persone responsabili di riciclaggio di autoveicoli, ricettazione, truffa, furto, appropriazione indebita, falso, insolvenze fraudolente e indebito utilizzo di strumenti di pagamento elettronico oltre al sequestro di tre veicoli risultati essere il provento di attività illecita di riciclaggio ,oltre al sequestro di una patente di guida ottenuta illecitamente.

INCIDENTALITÀ 2020-2019 REGIONE EMILIA-ROMAGNA

DETTAGLI INCIDENTALITÀ

© Copyright 2021 Editoriale Libertà