Calendasco, lezioni online anche per i bimi del nido e della scuola dell’infanzia

21 Marzo 2021

21

A Calendasco, i bambini della scuola dell’infanzia e del nido provano ad adeguarsi al sistema delle lezioni online già sperimentato dai loro compagni più grandi: collegati al monitor per breve tempo, proveranno a mantenere le routine cancellate dalla “zona rossa”. Niente “Dad” ma “Lead” (legami educativi a distanza), anche se il risultato non cambia.

I primi pionieristici incontri online sono iniziati già nei giorni scorsi. “A quest’età –  spiega Giorgia Maggi di Aquelaria, che gestisce i servizi prescolari a Calendasco – la didattica ha bisogno di un contatto fisico. Così abbiamo pensato di mantenere vivo il lavoro svolto dalle varie ‘bolle’”.

Per chi frequenta la materna sono previste delle brevi “call” di gruppo in videoconferenza nelle quali si alternano proposte di esperienze da fare a casa con colloqui per condividere insieme pensieri e idee. E per abituare i bambini di 5 anni alla Dad che troveranno alla primaria, sono stati inventati dei “mini compiti” da eseguire in autonomia. Per quanto riguarda invece i ragazzi disabili o con bisogni educativi speciali si incontrano a scuola per due mattine a settimana, in presenza, con un piccolo gruppo di loro compagni e un educatore di sostegno.

Anche per l’asilo nido si sta tentando qualcosa di virtuale: le maestre invieranno video alle famiglie mentre svolgono le normali attività negli spazi scolastici (come allestire un pranzo o leggere un libro): un modo perché i piccolissimi ritrovino davanti al monitor gli spazi e le figure che hanno improvvisamente perso.

I DETTAGLI SU LIBERTÀ NELL’ARTICOLO DI CRISTIAN BRUSAMONTI 

© Copyright 2021 Editoriale Libertà