Emanuele, giovane soccorritore: “Il volontariato mi ha reso migliore”

25 Marzo 2021

 

In questo periodo dello scorso anno, quando il Covid aveva travolto il nostro territorio, c’erano anche tanti giovani soccorritori sulle ambulanze che correvano a sirene spiegate. Tra loro, Emanuele che presta servizio alla Pubblica Assistenza Val Nure di Ponte dell’Olio da due anni. Emanuele ha scritto una lettera per raccontare la sua esperienza: “Non dimenticherò mai le strette di mano e gli sguardi dei pazienti che hanno lottato contro questo maledetto virus – scrive -. Penso di poter dire che questa esperienza ha fatto di me una persona migliore. Mi ha reso capace di comprendere veramente quali siano le cose importanti nella vita e che dopotutto, quando siamo in salute, non ci manca proprio nulla”. Il giovane soccorritore lancia un messaggio ai futuri volontari: “Siate umili, gentili e abbiate sempre la voglia di imparare nuove nozioni da chi ha più esperienza, in particolare da coloro che questo mestiere lo svolgono di professione e con cui ogni giorno orgogliosamente collaboriamo”.

LA LETTERA DI UN GIOVANE VOLONTARIO

 

© Copyright 2021 Editoriale Libertà