Emozione tra gli anziani di Unicoop: “Fuori dalla casa di riposo un anno dopo”

25 Marzo 2021


Un momento di rinascita, di riscoperta della vita, oltre la paura del Covid. Alcuni anziani della casa di riposo Unicoop sul Facsal, in questi giorni, hanno ricominciato a uscire all’aria aperta. “Negli ultimi dodici mesi, dalla scorsa primavera – spiega l’operatrice Nuccia Garioni – i nostri ospiti erano rimasti chiusi nella struttura per evitare il contagio. Da lunedì, però, lo staff ha permesso loro di tornare a muoversi nella città attraverso mini-gruppi di passeggio”. Tutti gli utenti (una cinquantina in totale) e i lavoratori della casa di riposo “Immacolata di Lourdes” hanno infatti completato la vaccinazione contro il Coronavirus. “In maniera sicura, con le precauzioni necessarie – sottolinea l’oss Garioni – abbiamo iniziato ad accompagnarli fuori”.

Per gli ospiti è un momento emozionante: “Da tempo – commenta Vittorina Zilocchi, 89 anni – non mangiavo un gelato così buono”. Giacomo Scaramuzza, 98 anni, ammette di non aver “ancora metabolizzato la bellezza di passeggiare all’aria aperta, dopo un anno di reclusione. Benissimo – aggiunge il giornalista in pensione – avevano fatto i dirigenti di Unicoop la scorsa primavera, chiudendoci dentro la struttura al riparo dal virus. Nessuno di noi si è ammalato di Covid. E oggi, finalmente, possiamo uscire. Devo riabituarmi al mondo esterno…”.

IL SERVIZIO DI THOMAS TRENCHI

© Copyright 2021 Editoriale Libertà