Consorzio di bonifica, la Regione rinvia le elezioni: il 18 e 19 aprile non si voterà

07 Aprile 2021

Con un provvedimento firmato oggi pomeriggio (7 aprile) dal presidente Stefano Bonaccini, la Regione Emilia-Romagna ha stabilito “il rinvio delle elezioni del Consorzio di bonifica di Piacenza che si sarebbero dovute tenere il 18 e 19 aprile, sulla base del parere trasmesso dall’Ausl“. Una valutazione tecnica che, in buona sostanza, evidenzia il “rischio di contagio da Covid” rappresentato dalla chiamata alle urne per 140mila aventi diritto di voto, in dieci seggi provinciali e in due giornate di elezioni, “qualora anche raccogliesse un’adesione in misura del 10-20 per cento”, si legge nel documento dell’azienda sanitaria locale.

Dopo diversi mesi di polemiche, dunque, la Regione ha deciso che “le elezioni saranno nuovamente indette dal Consorzio di bonifica di Piacenza solo quando le condizioni epidemiologiche lo permetteranno, previo parere dell’Ausl. Fino all’insediamento dei nuovi organi, quelli attualmente in carica restano investiti della gestione ordinaria”.

INTERVENTI POLITICI – “Bene il rinvio delle elezioni del Consorzio di bonifica”, dicono Luigi Merli e Giampaolo Maloberti, rispettivamente commissario provinciale della Lega e responsabile degli enti locali, attraverso una nota diffusa alla stampa. “L’attuale situazione pandemica – aggiungono – avrebbe compromesso il regolare svolgimento del voto, è corretta quindi la scelta delle istituzioni di evitare la chiamata alle urne in questo momento. Il Consorzio di bonifica svolge funzioni diversificate e di notevole importanza strategica sul nostro territorio, a partire dalla gestione dell’acqua non solo a scopi irrigui fino alla manutenzione e alla messa in sicurezza delle strade in collina e montagna. Fondamentale è quindi consentire le elezioni nella massima partecipazione possibile, non garantita in questo scenario”.

Secondo i consiglieri regionali Matteo Rancan e Valentina Stragliati (Lega), “è una decisione di buon senso, giusta, che chiedevamo da tempo. Prorogare la validità delle governance dei consorzi di bonifica posticipando la loro elezione a momenti in cui l’emergenza pandemica sarà meno invasiva e pericolosa – proseguono gli esponenti del Carroccio – è una decisione ragionevole alla luce del fatto che, per lo svolgimento della consultazione, si impongono adempimenti preliminari che comportano la necessità di spostamento fra comuni, allo stato sconsigliati, quando non anche vietati, per effetto delle disposizioni assunte per fronteggiare la pandemia”.ù

“Siamo soddisfatti della decisione della Regione di rinviare le elezioni per il rinnovo dei componenti elettivi del cda del Consorzio di Bonifica di Piacenza. Una decisione che va nella direzione auspicata da Europa Verde. Abbiamo raggiunto un primo obiettivo, ora la Regione è chiamata a fare un passo ulteriore. Ribadiremo la richiesta dell’istituzione del voto elettronico, sia per evitare i rischi di contagio, sia per favorire un aumento della partecipazione al voto”, è la dichiarazione di Silvia Zamboni, capogruppo di Europa Verde e vicepresidente dell’assemblea legislativa dell’Emilia-Romagna .

“Bene ha fatto la Regione a rinviare le elezioni del Consorzio di bonifica. Si tratta della decisione più giusta da prendere, visto l’andamento della curva dei contagi che al momento non ci permette di fare dei passi falsi, e in totale coerenza con le richieste e le battaglie portate avanti dal Movimento 5 Stelle. Adesso però si colga l’occasione per istituire definitivamente il sistema del voto telematico per garantire massima trasparenza e partecipazione alle prossime elezioni”, dice Silvia Piccinini, capogruppo regionale dei Cinquestelle.

IL SERVIZIO DI THOMAS TRENCHI

© Copyright 2021 Editoriale Libertà