“Alle Novate nessuno dei 400 detenuti ha ancora ricevuto il vaccino anti-Covid”

08 Aprile 2021

“Ad oggi, su un totale di circa 400 detenuti, nessuno ha ancora ricevuto il vaccino, né è stata intrapresa alcuna azione informativa”.

E’ l’allarme riguardante il carcere delle Novate di Piacenza e lanciato da Sappe, Uspp, Osapp, Sinappe, Cisl e Uil e dal coordinatore regionale Fp-Cgil Polizia penitenziaria Santo Guercio, che parlano di “un vero e proprio fallimento della medicina penitenziaria”. I sindacati chiedendo a gran voce un intervento da parte dell’assessore regionale alla sanità.

“Parliamo di persone ristrette – proseguono i sindacati – alcune anche ottantenni e con gravi patologie, e malgrado vi siano risorse a disposizione non riusciamo a capire il motivo di questa impasse. Intendiamo quindi allertare l’amministrazione penitenziaria, l’azienda sanitaria e il prefetto della situazione creatasi anche nel nostro istituto. Eventuali ulteriori ritardi – proseguono – potrebbero a nostro parere essere di grave pregiudizio per l’incolumità di chi vive o lavora in carcere, perché in caso di focolaio anche la sicurezza del territorio sarebbe minata. La nostra preoccupazione – concludono – è che questa situazione potrebbe far registrare le tensioni che nel marzo 2020 sfociarono in vere e proprie rivolte all’interno delle carceri di diverse città italiane”.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà