Case di riposo, Duemiglia e Fontanella dopo i vaccini riaprono alle visite

08 Aprile 2021

Dopo la vaccinazione di ospiti e operatori, la Casa residenziale per anziani “Duemiglia” di Piacenza e la Residenza protetta “Emilio Fontanella” di Rottofreno – gestite entrambe dal gruppo “Sereni Orizzonti” e da molti mesi Covid free – si preoccupano adesso di somministrare un’altra medicina preziosa: l’affetto e la vicinanza emotiva di cui hanno bisogno i nonni che da oltre un anno sono costretti a vivere come reclusi nella struttura.

“Anche grazie alla complicità della primavera – fa sapere in una nota il gruppo Sereni Orizzonti – gli ospiti e i loro parenti possono infatti incontrarsi negli ampi spazi verdi attrezzati disponendosi ai lati opposti di un tavolo. Le visite avvengono su appuntamento e sono autorizzate dal direttore sanitario, nel pieno rispetto delle linee guida emanate dalla Regione. Hanno in genere una durata massima di mezz’ora e avvengono dopo che al visitatore, al quale viene controllata la temperatura corporea, sono stati forniti i necessari dispositivi di protezione individuale. Eventuali piccoli regali vengono fatti depositare in una stanza e consegnati solo dopo la loro sanificazione mentre i doni in alimenti vengono accettati solo se preconfezionati”.

 

“Nella nostra struttura sono ripresi anche gli ingressi di nuovi ospiti: le famiglie stanno finalmente capendo come le RSA siano ormai uno dei luoghi più sicuri” commenta Emilia Tramelli, direttrice d’area per l’Emilia-Romagna di “Sereni Orizzonti”. Il nuovo ospite – che deve presentarsi munito di un tampone molecolare negativo effettuato non oltre le precedenti 48 ore – viene collocato per un periodo di isolamento precauzionale di 10 giorni in una camera singola con bagno, adiacente a una zona filtro di vestizione/svestizione per il personale (buffer zone). Superata questa fase può finalmente integrarsi con tutti gli altri residenti, beninteso dopo essersi sottoposto a un nuovo tampone nasofaringeo di controllo”.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà